• Pubblicata il
  • Autore: Centurione67
  • Pubblicata il
  • Autore: Centurione67

Ispirato dal film...mi scopo la cliente - Ascoli Piceno Trasgressiva

Mi chiamo Pino,44 anni di Roma,all'epoca dei fatti stavo per compiere 18 anni,ed ero ancora vergine,un po' per timidezza,un po'perche' pur essendo di bella presenza avevo un carattere ribelle ed anticonformista e con le ragazze della mia eta' non riuscivo mai a concludere ( anche adesso pero' )! mio padre aveva un'enoteca ed il sabato mattina ero costretto ad aiutarlo nel fare le consegne a domicilio,una vera scocciatura,perche'dal lunedi al venerdi frequentavo il liceo artistico in piu' tutti i pomeriggi andavo ad imparare il mestiere di tipografo nel mio quartiere,da un amico di mio padre che aveva una piccola tipografia artigianale che mandava avanti insieme alla moglie Anna,una procace signora 42enne bionda naturale,non altissima,ma tutta curve ben messe,un tipetto alla Antonella Clerici,quella della trasmissione la prova del cuoco ! Il sabato mattina puntualmente dovevo fare una delle tante consegne per mio padre alla signora Carla,una farmacista che il sabato mattina si faceva recapitare la spesa in casa,lavorando nella farmacia con il marito solo il pomeriggio ! anche lei era una bella donna,45 anni,capelli castani lunghissimi,sempre curati,2 occhi marroni scuro intriganti da morire,una bocca carnosa invitante,una quarta di seno a pera con capezzoli appuntiti come grossi chiodi,un culetto un po' abbondante ma splendido per i miei gusti di ragazzo che all'epoca si masturbava con i film di Edwige Fenech,Laura Antonelli,Carmen Russo ! Mi accoglieva sempre con la vestaglia da casa,leggermente trasparente,e in controluce potevo ammirare le sue forme arrapanti,gentilissima, mi offriva sempre il caffe' e mi faceva tante domande su come andavano le cose,sui miei gusti in materia di musica,film,se avevo la fidanzata ecc.me la lasciavo come ultima consegna e restavo da lei ogni volta un po' di piu'e quando andavo via mi dava sempre 5.000 lire di mancia ( 26 anni fa non erano poche !!! ) ! La sera prima avevo visto un film erotico in tv,del genere commedia all'italiana dal titolo " Pensione Amore...servizio completo " in cui un ragazzo disse ad un suo amico piu' inesperto " se una donna ti piace per farglielo capire infilagli delicatamente la mano tra le cosce,toccagli la figa e guardala intensamente negli occhi,su 10 donne rimedi 9 schiaffi,ma una te la scopi sicuro " ! Quel giorno mi venne ad aprire dopo parecchi squilli di campanello,indossava un'accappatoio rosa,ben allacciato,aveva i capelli bagnati e si scuso' dicendomi che appena iniziato a fare la doccia il flessibile le si era rotto all'improvviso,io subito mi proposi per farmi vedere dove era il problema che glielo avrei sistemato in un attimo,dopo una veloce ispezione in bagno,le dissi che era una cosa da niente,lei mi diede 10.000 lire per andare in ferramenta! in 15 minuti cambiai in flessibile della doccia,lei mi fece un sorriso grandissimo e mi diede un bacio sulla guancia,io in un primo momento arrosii,ma dopo pochi secondi mi venne in mente la battuta del film e decisi di agire,intanto lei mi disse che il caffe' era pronto in cucina e di attendere 5 minuti che si faceva una doccia veloce,io mentre bevevo il caffe' pensai di agire,sospinto da una irrefrenabile voglia di lei,ma soprattutto di scoprire i piaceri del sesso fino ad allora parecchio sconosciuti,appena usci' dal bagno mi raggiunse in cucina ed iniziammo a parlare,io gli dissi che tra 3 giorni sarebbe stato il mio 18esimo compleanno e sforzandomi parecchio le chiesi " signora mi farebbe un bellissimo regalo ? " lei mi guardo' attonita e curiosa e apri' un cassetto da dove estrasse il borsellino,tiro' fuori 50.000 lire dicendomi " ecco,queste sono per te,te le meriti,comprati quello che vuoi " io la guardai intensamente e di scatto le misi una mano tra le cosce all'altezza della sua figa,da sopra l'accappatoio, " vorrei che mi fai diventare uomo "le dissi,lei per un attimo mi guardo' con un misto di sorpresa e tenerezza,quei secondi mi parvero un'eternita',sentivo il cazzo che cresceva nelle mutande e le gocce di sudore che scendevano dalle tempie,strinsi gli occhi,mi aspettavo un sonoro schiaffone,invece lei mi disse con voce calma e suadente, " ancora sei vergine ? possibile ? un bel ragazzo come te ? mi stai prendendo in giro vero ? " Io feci no con la testa e con la voce rotta dall'emozione replicai "si,sono vergine,mi vergogno un po'ma e' cosi',con le ragazze della mia eta' non mi ci prendo molto e piu' di qualche bacio in bocca non sono mai riuscito a farci nient'altro " lei mi abbraccio' con delicatezza,mi mise una mano dietro la nuca e avvicinandomi mi bacio' in bocca,io subito ricambiai il tenero baco cominciando a stringerle i fianchi,toccandogli le mammelle,lei si sciolse la cinta dell'accappatoio per farsi toccare meglio,io le guidai la sua mano sul mio cazzo che era teso e duro come un tronco,mi accarezzava piano,dai coglioni alla cappella,per soppesare bene la grandezza del mio fallo,e mi disse " ah pero'...sembra un bell' attrezzo,sbottonati i jeans che lo voglio vedere meglio ",mi calai i pantaloni e le mutande mettendoglielo bene in mostra,lo prese in mano da femmina esperta e mi disse " bravo,e' un gran bel pisellone,piu' grosso di quello di mio marito " ! in un attimo si chino' alla pecorina e comincio' a leccarmelo con volutta',cambiava modo in continuazione,leccava,se lo ingoiava quasi tutto,subito dopo mi segava,io ero al settimo cielo,ancora non mi rendevo bene conto di quella situazione,lei mi spinse indietro,arrivai a toccare il bordo del tavolo,mentre la pompinara continuava il suo favoloso bocchino con una voglia incredibile,emettendo mugugni di piacere che mi facevano arrapare ancora di piu',presi sempre piu' coraggio e con entrambi le mani cominciai a strizzarli le tette, a muovermi avanti e dietro scopandola in bocca,sentivo la sborra salirmi dai coglioni gonfi e infuocati,lei se ne accorse e si fermo',alzo' la testa dicendomi " stai per venire,cerca di resistere che lo voglio dentro ",si mise al mio posto sul bordo del tavolo,a pecora,si tiro' sulle spalle l'accappatoio e mi attiro' a se'indirizzandosi la mia mazza completamente bagnata della sua saliva verso la sua sorca,se la passo' per qualche secondo sull'entrata della passera,mi guido' sapientemente fino a poggiare la cappella e inarcando la schiena lo fece scivolare dentro,io come ipnotizzato da queste nuove sensazioni,in modo automatico cominciai a pompare velocemente come i cani,lei mi disse di rallentare,lo feci,cominciai un lento andirivieni,lei ansimava e diceva "siii...cosi...bravo...ahhh...che bel pisello che hai,lo usi proprio bene ",provavo un turbinio di emozioni,ero ammutolito,ma sentivo benissimo le pareti della sua figa avvolgermi il membro in un dolce e caldo abbraccio, all'improvviso non resistetti piu'...la riempii con una poderosa schizzata di sborra bollente e cremosa,sentivo la sua figa contrarsi sotto il getto dei miei testicoli " ahhh...si...godo anche ioooo ahhhhh... " ebbe un'orgasmo violento,sentii una vampata di calore sul cazzo,rimasi immobile per qualche istante,inebetito e svuotato,sentivo il suo respiro rallentare sempre piu',rimanemmo immobili per un minuto,poi il cazzo si ammoscio' e usci' dalla sua calda passera sbrodolante di succhi,mi caddero alcune gocce sulle scarpe,il mio uccello era grondante come la sua figa,senza dire niente si diresse in bagno,io mi tirai su i pantaloni,quando ritorno' mi disse " si sta facendo tardi,tra 20 minuti arriva mio marito,vai via che poi ci sentiamo " io uscii in tutta fretta ancora incredulo, frastornato,ancora non ci credevo,avevo una leggerezza,un'euforia che mai avevo provato ! da quel giorno diventammo amanti,il sabato mattina era dedicato a lei,io dissi ai miei genitori che dovevo andare al liceo anche di sabato,che ci avevano cambiato gli orari,loro non mi controllavano,ero uno studente modello,in piu' in quel periodo dormivo a casa di mia nonna,andavo a casa sua alle 10,e fino alle 12,30 la chiavavo come il piu' esperto degli stalloni,e' durata un anno,tutte le settimane,poi conobbi Loredana,una mia coetanea e a malincuore finirono le mie frequentazioni con la mia farmacista,ma non smettero' mai di ringraziarla di avermi iniziato alla sublime arte dell'amore fisico !

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
26/10/2011 00:08

cupido

non capisco perchè pubblicano sta roba, e le mie storie no!MAH!

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati